Nazionali

Lazio: Innovazione sostantivo femminile

Si tratta di due milioni di euro disponibili per sostenere la nascita e lo sviluppo di idee e progetti imprenditoriali innovativi da parte delle donne, promuovendo la creatività e la valorizzazione del capitale umano femminile.
Potranno partecipare al bando, oltre alle libere professioniste, le imprese “al femminile” già costituite (micro, piccole e medie imprese e società tra professionisti in cui il titolare sia una donna, società di capitali le cui quote siano, per almeno 2/3, in possesso di donne e rappresentino almeno i 2/3 del totale dei componenti dell’organo di amministrazione, cooperative o società di persone in cui il numero di donne socie sia almeno il 60% della compagine sociale), ma anche quelle che ancora non lo sono, purché in caso di esito positivo della partecipazione al bando, la costituzione dell’impresa avvenga entro 45 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento di concessione del finanziamento.
Saranno finanziabili i progetti che includano la realizzazione di nuovi prodotti o servizi tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie e che siano coerenti con le aree di specializzazione della Smart Specialization Strategy (S3) regionale (ossia Scienze della vita e benessere, Energia e ambiente, Agroalimentare, Mobilità sostenibile, Fabbricazione digitale, Domotica ed edilizia sostenibile, Beni culturali e tecnologie della cultura, Industrie creative digitali, Aerospazio, Sicurezza e protezione). Inoltre, potranno ottenere le agevolazioni del bando anche i progetti che abbiano come obiettivo la Social Innovation, ovvero che presentino soluzioni tecnologiche ai problemi dovuti al cambiamento della società per favorire una società inclusiva, innovativa e consapevole.
Il contributo concesso (a fondo perduto, a valere sui fondi del POR FESR 2014-2020) sarà pari al 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di 30.000 euro per ogni progetto, che dovrà essere realizzato nella Regione Lazio.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 24 aprile 2017 e fino al 31 ottobre 2017 .

Lazio: “Pre-Seed” Bando startup innovative

Al via il nuovo piano della Regione per sostenere la nascita e la crescita di nuove imprese innovative. L’obiettivo è quello di rafforzare l’ecosistema delle startup di Roma e del Lazio per valorizzare e migliorare le buone pratiche, favorire l’attrazione di nuovi investitori sul territorio, sostenere gli spin off della ricerca per favorire il processo di trasferimento tecnologico e intensificare il rapporto tra ricerca, innovazione e imprese.
100 milioni di euro per sostenere i nuovi interventi. Il bando pre-seed è dedicato alle startup innovative e agli spin-off della ricerca.

Che caratteristiche deve avere una startup per essere considerata “spin-off della ricerca”?I requisiti sono i seguenti: uno dei soci deve avere un titolo di studio di alta formazione, come un dottorato di ricerca, master universitario di secondo livello o aver lavorato come ricercatore per almeno 3 anni a tempo pieno, nei 6 anni precedenti la presentazione della domanda. L’altro requisito è che destini almeno metà del proprio tempo lavorativo al progetto durante il primo anno di attività. Inoltre, il progetto di avviamento deve valorizzare gli esiti dell’attività di ricerca realizzata e risultante dal curriculum vitae di almeno uno dei soci.

4 milioni di euro per promuovere e sostenere la creazione e l’avviamento di startup innovative. Il bando punta anche al rafforzamento del legame tra il mondo della ricerca e le imprese attraverso la promozione di spin-off della ricerca. Ancora una volta sosteniamo la crescita delle imprese innovative e allo stesso tempo valorizziamo e consolidiamo l’ecosistema startup laziale. Possono partecipare tutte le startup innovative con sede operativa nel Lazio.

Lazio: promozione dell’export attraverso PROSPEX

L’obiettivo di questo bando è favorire l’internazionalizzazione delle PMI consentendo loro di acquistare, con un contributo a fondo perduto del 50%, servizi qualificati offerti da operatori specializzati selezionati e inseriti in un apposito catalogo regionale di Progetti Strutturati di Promozione dell’Export, con servizi e tariffe predefinite (PROSPEX).
I destinatari delle attività che compongono i PROSPEX, e quindi i beneficiari dell’aiuto, sono le PMI (inclusi i liberi professionisti) che abbiano o intendano avere, al più tardi al momento della realizzazione del PROSPEX cui aderiscono, una sede operativa nel territorio del Lazio.
L’agevolazione è un contributo a fondo perduto commisurato alle spese sostenute dalla PMI che aderisce a un PROSPEX, nel rispetto della normativa sugli Aiuti di Stato.
L’intensità di aiuto è pari al 50% del costo totale sostenuto dalla PMI per partecipare al PROSPEX.
I PROSPEX dovranno prevedere almeno due delle seguenti attività principali per almeno il 70% del loro valore:

Attività A. organizzazione di incontri istituzionali, business matching meetings, ricerca partner, visite aziendali, seminari, workshop, convegni, incoming di operatori/buyer esteri, altri eventi promozionali (ad es.: sfilate, degustazioni, mostre);
Attività B. realizzazione di azioni di promozione di filiere produttive regionali, o di gruppi di PMI, nell’ambito di eventi fieristici internazionali, ivi compreso l’allestimento e la messa a disposizione di show room temporanei;
Attività C. spese relative al Temporary Export Manager, per un tempo massimo di 12 mesi;
Attività D. costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali sui mercati internazionali; costi per i servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione finalizzati al progetto di espansione sui nuovi mercati.

Scadenza: a sportello.

Funder 35

Funder35 intende selezionare, attraverso il bando, e accompagnare nel loro percorso verso la sostenibilità, per un periodo massimo di tre anni, le migliori imprese giovanili che operano in campo culturale.
Sono considerati ammissibili al presente bando unicamente progetti finalizzati a rendere sostenibili nel tempo le imprese proponenti e le loro attività attraverso:
– azioni mirate al miglioramento/ripensamento della struttura organizzativa (come ad esempio nuovi modelli operativi e strumenti gestionali, iniziative di qualificazione del personale non artistico e dei servizi interni di supporto tramite percorsi di formazione e innesto di competenze manageriali);
– azioni finalizzate al rinnovamento, anche attraverso l’uso di tecnologie innovative, dei processi e degli strumenti di produzione (funzionali al rafforzamento, all’estensione, alla differenziazione dell’offerta);
– azioni finalizzate all’introduzione sul mercato di prodotti o servizi di carattere innovativo, in grado di favorire il posizionamento strategico dell’organizzazione;
– azioni orientate all’attivazione di collaborazioni stabili e aggregazioni/fusioni con altri soggetti del settore nella prospettiva di realizzare economie di scopo e/o di scala.

Scadenza: 23 giugno 2017

Tender to Nave Italia

La Fondazione promuove la cultura del mare e della navigazione come strumenti di educazione, formazione, abilitazione, riabilitazione, inclusione sociale e terapia.
Il progetto da presentare, per poter navigare con la Fondazione nel 2017, deve contenere due elementi chiave: il superamento dei pregiudizi sull’esclusione sociale e la disabilità; la proposta di idee innovative, capaci di far scoprire in se stessi e negli altri energie fino a quel momento impensabili.

Il costo di ogni progetto è di € 1.800,00 per persona, dei quali il Bando copre il 50%.

Scadenza: 15 luglio 2017

Enel nel cuore

​Investire nell’educazione, nel benessere e nell’istruzione dei ragazzi è un dovere e da sempre un caposaldo della nostra attività.

Con la call “Inclusione scolastica degli studenti con bisogni educativi speciali (BES)” abbiamo pensato proprio di sostenere e promuovere il terzo settore in partenariato con gli istituti scolastici su tutto il territorio italiano nella promozione e realizzazione di progetti che si occupino, nello specifico, di ragazzi con Bisogni Educativi Speciali.

Ovvero progetti che:

  • Realizzino interventi inclusivi (ad es. riconversione dell’aula di sostegno in resource room, allestimento spazi comuni, laboratorio digitale);

  • Promuovano attività sportive, culturali, artistiche e ricreative pensate per gli studenti con BES che coinvolgano tutta la classe;

  • Dotino la scuola di attrezzature informatiche e di ausili specifici utili alla didattica.

Si tratta di un progetto che vede tra i suoi beneficiari diretti gli studenti della scuola secondaria di 1° grado e i loro insegnanti e dirigenti scolastici. Tra i beneficiari indiretti, invece, le famiglie dei ragazzi coinvolti, la comunità e i comuni di residenza.

Rieti: recupero della produttività delle imprese  nell’Area del Cratere Sismico 

La Regione Lazio mira a sostenere il recupero della produttività delle imprese operanti nell’Area del Cratere Sismico, attraverso l’agevolazione di investimenti produttivi per il rilancio delle micro-imprese danneggiate, e al contempo con il sostegno di nuovi investimenti anche di micro-imprese di nuova costituzione, favorendo la riqualificazione produttiva dell’area.

Il bando non è rivolto esclusivamente alle micro-imprese, ma anche ai liberi professionisti. Entrambi devono possedere una sede operativa nei 15 Comuni del “Cratere sismico”, essere iscritti al Registro delle Imprese o titolari di Partita IVA, esistenti o di nuova costituzione.

Consiste in un contributo a fondo perduto a sostegno di un progetto di investimento, pari all’80% delle spese sostenute. L’importo minimo dell’investimento è di 4.000 euro; l’importo massimo del contributo è di 20.000 euro.

La presentazione delle domande avviene con procedura “a sportello”.

 

Spettacolo dal vivo

Il Regolamento prevede quattro macro-aree di intervento:

  • Produzione: produzione dello spettacolo dal vivo; centri di produzione teatrale; centri di produzione di danza.
  • Festival e rassegne: festival e rassegne di teatro, musica, danza e a carattere multidisciplinare; festival circensi e degli artisti di strada.
  • Sostegno allo spettacolo dal vivo: circuiti regionali; orchestre ed ensemble musicali
  • Formazione, educazione e partecipazione del pubblico: progetti per favorire l’accesso dei giovani allo spettacolo dal vivo in collaborazione con istituzioni scolastiche; educazione e formazione musicale, teatrale, coreutica; teatro di figura e iniziative di spettacolo dal vivo destinate ai bambini e all’infanzia.

Possono partecipare al bando gli enti pubblici o soggetti giuridici privati operanti nel settore dello spettacolo dal vivo.

Scadenza: 30 giugno 2017

Lazio: bando per gli investimenti produttivi in acquacoltura

Gli obiettivi sono favorire un’acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, efficiente in termini di risorse, innovativa e competitiva.

L’avviso stanzia circa due milioni di euro così suddivisi:

  • 1.380.293,62 euro per investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura;
  • 100.000,00 euro per investimenti destinati a migliorare la qualità o ad aggiungere valore ai prodotti dell’acquacoltura;
  • 220.846,98 euro per la diversificazione del reddito delle imprese acquicole tramite lo sviluppo di attività complementari

Le aree finanziabili sono:

  • investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura;
  • investimenti destinati a migliorare la qualità o a aggiungere valore ai prodotti dell’acquacoltura
  • diversificazione del reddito delle imprese acquicole tramite lo sviluppo  di attività complementari;

Scadenza: 10 luglio 2017