Bandi Nazionali

PON Ricerca e Innovazione – Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Scadenza: 9 novembre 2017

L’obiettivo del bando è quello di  creare e stimolare un ecosistema favorevole allo sviluppo “bottom up” di progetti rilevanti attraverso forme di Partenariato pubblico-privato che integrino, colleghino e valorizzino le conoscenze in materia di ricerca e innovazione. Gli ambiti di operatività dei progetti, che dovranno essere di ricerca industriale o sviluppo sperimentale, dovranno riferirsi alle 12 Aree di Specializzazione previste dal MIUR.

La durata massima del Progetto, indicata in sede di presentazione della domanda di agevolazione, non deve superare i 30 (trenta) mesi, prorogabile una sola volta e per un massimo di ulteriori 6 (sei) mesi. Sono considerati costi ammissibili del progetto: spese del personale, costi degli strumenti e delle attrezzature, costi dei fabbricati, costi dei terreni, costi per la ricerca contrattuale, spese generali supplementari, altri costi di esercizio.

 I soggetti ammissibili a presentare domande di partecipazione ai sensi del presente avviso sono:

  1. a) le Imprese (PMI e Grandi Imprese), partecipanti in forma singola o associata;
  2. b) le Università;
  3. c) gli Enti pubblici di ricerca;
  4. d) altri Organismi di ricerca pubblici e privati;
  5. e) le Amministrazioni Pubbliche;
  6. f) ogni altro soggetto;

che realizzino congiuntamente, un Progetto di ricerca industriale e di non preponderante sviluppo sperimentale in una delle 12 Aree di specializzazione, ovvero:

-Cultural heritage;

-Design, creatività e Made in Italy

– Energia

-Fabbrica Intelligente;

-Aerospazio;

-Agrifood;

-Blue Growth;

-Chimica verde;

-Mobilità sostenibile;

-Salute;

-Smart Communities;

-Tecnologie per gli ambienti di vita.

La domanda di partecipazione deve essere presentata nella forma del Partenariato pubblico-privato, che deve essere costituito da almeno un soggetto di diritto pubblico e da almeno un soggetto di diritto privato (almeno una PMI).  Le imprese, partecipanti in forma singola o associata, devono risultare regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese entro e non oltre il 1° luglio 2016 nonché essere dotate di personalità giuridica. Gli Organismi di ricerca devono risultare regolarmente costituiti, nelle forme prescritte dalla legge, entro e non oltre il 1° luglio 2016.

Ciascun Progetto deve prevedere un totale di costi complessivi ammissibili, come esposti in domanda, compresi tra un minimo di 3.000.000,00 (tremilioni) di euro e un massimo di 10.000.000,00 (diecimilioni) di euro. Il Progetto deve prevedere lo sviluppo di attività di Ricerca Industriale e di non preponderante Sviluppo Sperimentale. L’ammontare totale dei costi ammissibili di Ricerca Industriale deve prevalere sull’ammontare totale dei costi ammissibili di Sviluppo Sperimentale.

Il contributo sarà concesso in misura pari al 50% nel caso di progetti di Ricerca Industriale e con percentuali che variano a seconda della dimensione di impresa per i progetti di Sviluppo Sperimentale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...